La migliore Accademia di formazione online ai concorsi delle Forze Armate e di Polizia
Logo Exforma
Home / Guide / Come entrare nelle Forze Armate Italiane. Categorie e iter formativi.

Come entrare nelle Forze Armate Italiane. Categorie e iter formativi.

Una guida completa che illustra come è possibile arruolarsi, in quale ruolo, quali sono i percorsi formativi previsti e le carriere offerte.

Le quattro Forze Armate Italiane

Le Forze Armate e le categorie del personale

Entrare nelle Forze Armate, e diventare così un uomo o una donna in divisa, è stato ed è ancora oggi una grande ambizione di moltissimi giovani. Cominciare a far parte delle FF.AA., però, non è facile e, soprattutto, prevede un percorso molto diverso rispetto a quello necessario per intraprendere una qualsiasi professione civile.

Le Forze Armate sono al servizio della Repubblica e loro compito prioritario è la difesa dello Stato. Operano per la realizzazione della pace e della sicurezza, in conformità alle regole del diritto internazionale e alle determinazioni delle organizzazioni internazionali, delle quali l’Italia fa parte. Concorrono alla salvaguardia delle libere istituzioni e svolgono compiti specifici in circostanze di pubblica calamità e in altri casi di straordinaria necessità ed urgenza (Legge 14 novembre 2000, n. 331, art. 1). Fanno parte delle Forze Armate italiane (FF.AA.):

A queste si aggiunge l’Arma dei Carabinieri che, a partire dal Decreto Legislativo 5 ottobre 2000 n. 297, è collocata autonomamente nell’ambito del Ministero della Difesa, con il rango di Forza Armata, ed è forza militare di polizia a competenza generale e in servizio permanente di pubblica sicurezza.

Diversi sono i possibili percorsi di accesso nelle Forze Armate: concorsi pubblici aperti a tutti, purché in possesso dei requisiti richiesti, e concorsi interni rivolti ai militari, in servizio e non, che intendano migliorare la propria posizione o ruolo. A seguito del superamento di un concorso si accede a un periodo di formazione specifico. Con l’approvazione della Legge n. 380/1999, anche le donne possono partecipare ai concorsi per essere arruolate nei corpi dell’Esercito, dell’Aeronautica e della Marina con le stesse modalità previste per gli uomini.

Il personale militare è inquadrato nelle seguenti categorie gerarchicamente ordinate:

a) ufficiali;
b) sottufficiali;
c) graduati (comprende i militari appartenenti al ruolo dei volontari in servizio permanente);
d) militari di truppa (volontari in ferma prefissata, gli allievi carabinieri, gli allievi finanzieri, gli allievi delle scuole militari, gli allievi marescialli in ferma, gli allievi ufficiali in ferma prefissata e gli allievi ufficiali delle accademie militari).

Come fare per arruolarsi nelle Forze Armate?

L’iter da seguire per arruolarsi nelle Forze Armate si ramifica in molteplici possibilità. Scopriamo quindi quali sono le diverse strade da percorrere per cominciare una carriera nella difesa dello Stato italiano.

La strada migliore per te
Per arruolarsi non esiste una strada migliore in senso assoluto, ma puoi capire quale sia quella più adatta a te a partire da:

  • La tua età;
  • titoli di studio di cui sei in possesso;
  • Le tue aspirazioni;
  • La durata della ferma.

Età
Se non hai ancora un’idea precisa di che ruolo vuoi operare nelle Forze Armate, dai un’occhiata a quali opportunità sono disponibili per la tua età. Infatti, in base ad ogni diversa età, corrispondono diverse modalità per entrare nelle Forze Armate: guarda quali vie ti si aprono davanti e decidi quale sia la migliore per te.

Ti proponiamo di seguito un elenco che illustra le strade che si presentano a seconda di quanti anni hai.

  • Se hai tra 15 e 17 anni puoi accedere alle Scuole Militari;
  • Se hai tra 17 e 26* anni puoi partecipare ai concorsi per diventare Maresciallo (sottoufficiali);
  • Se hai tra 17 e 22 anni puoi entrare in Accademia Militare;
  • Se hai tra 18 e 24 anni puoi concorrere per diventare Volontario in Ferma Iniziale di 3 anni (VFI);
  • Fino a 32 anni puoi iscriverti ai concorsi per diventare Ufficiale o Maresciallo a Nomina Diretta;
  • Fino a 38 anni hai la possibilità di diventare un Allievo Ufficiale in Ferma Prefissata;
  • Fino a 54 anni puoi entrare a far parte degli Ufficiali della Riserva Selezionata.
  •  

*Se sei già un militare, il limite si sposta a 28 anni

Titoli di Studio
Anche in questo caso, a partire dai titoli di studio che hai conseguito, hai diritto ad iscriverti a concorsi ben definiti. Quindi, se anche in questo caso non sai che carica vuoi ricoprire, scopri quali siano le strade accessibili con i tuoi titoli di studio.

Osserva l’elenco con le varie opportunità.

  • Se hai un diploma di terza media puoi concorrere per il ruolo di Volontario in Ferma Iniziale (VFI);
  • Se hai superato con successo il 2° anno di liceo*, e hai dunque l’idoneità al terzo anno, puoi entrare in una Scuola Militare;
  • Se hai conseguito il diploma di maturità, puoi partecipare ai concorsi per diventare Maresciallo e ad alcuni per diventare Ufficiale;
  • Se hai ottenuto il diploma di laurea, puoi concorrere per i ruoli di Ufficiale a Nomina Diretta o Maresciallo a Nomina Diretta;
  • Se hai un curriculum di esperienze, oltre ad una professionalità consolidata, puoi tentare di entrare nella Riserva Selezionata.
  •  

*Per ogni titolo di studio, oltre alla carica corrispondente, sono riferibili anche tutte le precedenti.

Aspirazioni
Se al contrario dei casi sopracitati, hai già le idee chiare e un’ambizione precisa, puoi concentrarti su quella a partire da subito. Giusto per esserne sicuro, però, considera le caratteristiche generali delle varie strade a tua disposizione.

Come abbiamo detto prima, se sei un ragazzo o una ragazza giovane e sai già di voler intraprendere una carriera in divisa, puoi iscriverti ad una Scuola Militare. Questo ti permetterà non solo di consolidare la tua cultura, ma anche di entrare in contatto con le materie militari e porre delle basi solide per una carriera in questo ambito.

Se stai cercando dell’azione ed un lavoro pratico e desideri metterti alla prova con te stesso e con gli altri, la strada del Volontario in ferma prefissata è quella giusta per te.

Mentre, per approcciare ad incarichi di tipo operativo e provare a prenderti la responsabilità di piccole unità o specializzarti come operatore tecnico, il modo migliore è iscriversi alla Scuola Sottufficiali.

Se vuoi esercitare incarichi operativi e di comando e, nel frattempo, assumere sempre più valore nei confronti delle Forze Armate, puoi diventare Ufficiale.

Se invece ritieni di avere già una professionalità utile alle Forze Armate puoi cercare di entrare nella Riserva Selezionata.

Durata della Ferma
Per intraprendere il percorso migliore, devi anche valutare se la tua aspirazione di entrare nelle Unità di Difesa sia solo un momentaneo desiderio per metterti alla prova per un breve periodo o se invece tenda poi ad una carriera di lunga durata.

Nell’ambito dei percorsi di brevi periodi troviamo:

  • Scuole Militari;
  • Volontari di Truppa (in Ferma Prefissata). VFI e VFT: nuove figure professionali entrambe a rafferma triennale e che sostituiscono i VFP1 e VFP4
  • Ufficiali (in Ferma Prefissata o della Riserva Selezionata).

I percorsi di lunga durata sono invece:

  • Volontari di Truppa in Servizio Permanente;
  • Marescialli (anche Orchestrali e a Nomina diretta);
  • Ufficiali (dall’Accademia Militare o a Nomina Diretta). 
  •  

In conclusione, le strade per entrare a far parte delle forze Armate sono veramente tantissime e molto varie. Per questo è difficile dire quale sia la migliore. Occorre dunque valutare tutte le opzioni possibili in modo da poter compiere una scelta consapevole e soprattutto, quella più adatta alle proprie aspettative.

Per entrare nelle Forze Armate la strada da percorrere è quindi quella dei concorsi: per accedere alle cariche di uno di questi organi della Difesa, è infatti necessario partecipare ai concorsi banditi dal Ministero della Difesa e pubblicati sul sito della Gazzetta Ufficiale. Molto utile è la sezione concorsi del nostro sito, che pubblica una pagina chiara ed esaustiva di ogni concorso, riassumendo le informazioni essenziali tratte dal bando ufficiale. Questi concorsi possono essere pubblici o privati. I primi sono aperti a tutti, a patto che si soddisfino alcuni requisiti specificati nei singoli bandi relativi; i secondi, invece, sono accessibili solo a coloro che sono già militari (in servizio oppure no) per migliorare la loro posizione.

Dopo essersi iscritti e aver superato il concorso bisogna affrontare una fase di formazione specifica per il ruolo che si andrà a ricoprire: nell’Esercito, nella Marina, nell’Aeronautica o nell’Arma dei Carabinieri.

Percorsi formativi per Scuole militari

Un particolare percorso che consente di entrare a contatto diretto con il mondo militare è anche quello che passa attraverso la formazione nelle Scuole Militari delle Forze Armate:

  • Scuola Navale Militare Francesco Morosini di Venezia
  • Scuola Militare Aeronautica Giulio Douhet di Firenze
  • Scuola Militare Nunziatella di Napoli
  • Scuola Militare Teulié di Milano.

L’offerta formativa delle Scuole Militari consente di conseguire un diploma di maturità, seguendo corsi di liceo classico, scientifico e scientifico europeo (quest’ultimo presso la Scuola Militare dell’Esercito Teulié), a partire dal I liceo classico o dal III liceo scientifico. I programmi sono infatti corrispondenti a quelli delle tre classi del liceo classico e delle ultime tre del liceo scientifico e del liceo scientifico europeo. Vengono inoltre insegnate anche materie militari.
Durante la permanenza presso la Scuola non è consentito agli allievi di ripetere più di un anno. Al termine di ogni anno scolastico, gli allievi sono giudicati anche in attitudine militare.

L’accesso alle Scuole Militari delle Forze Armate italiane avviene attraverso concorsi pubblici, banditi annualmente dal Ministero della Difesa. Il concorso è rivolto a giovani di ambo i sessi, che abbiano compiuto il 15° anno di età e non superato il giorno di compimento del 17°. I candidati sono selezionati da un punto di vista culturale, attitudinale e fisico.

Per poter partecipare alle selezioni i candidati devono essere in possesso dell’idoneità di ammissione al I liceo classico oppure al III liceo scientifico.
Alla fine del corso di studi presso la Scuola, i diplomati possono accedere a qualsiasi corso di laurea oppure possono concorrere per l’ammissione alle diverse Accademie Militari, dove gli allievi risultati idonei possono disporre di una riserva di posti.

Il possesso di un qualsiasi diploma di scuola secondaria superiore offre diverse opportunità formative finalizzate ad intraprendere la carriera militare. Si tratta, in genere, di percorsi che prevedono complessi esami di ammissione e attitudinali, pertanto, se si sta prendendo in considerazione di seguire questa strada, occorre essere fortemente motivati e assumere tutte le informazioni necessarie per conoscere in dettaglio le modalità di accesso e frequenza ai percorsi.

La prosecuzione degli studi in ambito militare prevede sostanzialmente come possibilità l’ingresso in una Scuola per Sottufficiali o in un’Accademia Militare o l’accesso a percorsi in alcuni corpi della Polizia di Stato.

Percorsi formativi per Volontari

Volontari di truppa VFI e VFT
La legge n. 119 del 5 agosto 2022 apporta importanti modifiche all’iter di reclutamento dei volontari di truppa ed al loro status giuridico, per far fronte alle necessità funzionali e di stabilizzazione delle carriere delle Forze Armate, introducendo anche modalità destinate ad influenzare le procedure di reclutamento nelle Forze di Polizia.

La riforma prevede due nuove figure professionali, entrambe in ferma triennale: il Volontario in Ferma Prefissata Iniziale (VFI) ed il Volontario in Ferma Prefissata Triennale (VFT), in sostituzione, a partire dal 2023, delle precedenti VFP1 e VFP4.

I VFI costituiscono la nuova ed esclusiva modalità di accesso alle forze armate per quanto riguarda il personale di truppa e sono reclutati con un concorso pubblico riservato ai giovani di età compresa tra 18 e 24 anni, in possesso di diploma di istruzione secondaria di primo grado (licenza media) e della prevista idoneità fisica e psico-attitudinale. Il Volontario in Ferma prefissata Iniziale riveste il grado di Soldato Comune di 2° Classe o Aviere, secondo la Forza Armata di appartenenza.

A tale riguardo la tipologia delle verifiche fisiche del concorso per VFI non si discosta da quella precedentemente in vigore per i VFP1, ma sono ora introdotti nuovamente specifici valori minimi per le singole prove, il cui mancato raggiungimento, anche in un solo esercizio, comporta l’esclusione dall’iter concorsuale.

Rispetto alla precedente figura del VFP1 i VFI vedono, oltre all’ovvio aumento della durata della ferma iniziale, un abbassamento da 25 a 24 anni dell’età massima per la partecipazione al concorso, il mantenimento di una sola rafferma annuale possibile ed un generale miglioramento del trattamento economico, incluso un riconoscimento forfettario dello straordinario.

Dopo aver maturato 12 mesi di servizio i VFI possono partecipare ai concorsi per l’accesso alle carriere iniziali delle Forze di Polizia.

Dopo almeno 24 mesi di servizio il Volontario in Ferma Prefissata Iniziale, di età non superiore a 28 anni, potrà poi partecipare al concorso per titoli ed esami per l’ammissione alla Ferma Prefissata Triennale (VFT), acquisendo il grado di caporale Comune di 1^ Classe o Aviere Scelto a seconda della Forza Armata di appartenenza e dal diciottesimo mese d’ammissione al grado di Caporal Maggiore.

La completa sostituzione delle vecchie figure professionali con le nuove avverrà con gradualità nel rispetto dei diritti e delle aspettative maturate. Pertanto, fino al 2024 saranno emanati bandi per VFP4: quelli con anzianità 2020 e 2021 transiteranno in servizio permanente al completamento della ferma quadriennale secondo le procedure precedenti, mentre quelli con anzianità 2022, 2023 e 2024 lo saranno secondo le nuove norme previste per i VFT.

Iter formativi VFI
Il VFI, al termine del triennio, può accedere al concorso per la fase successiva (VFT) o accedere a una selezione pubblica, sempre per concorso, nelle Forze Armate sfruttando la riserva di posti. Possono partecipare al concorso coloro che sono in possesso dei seguenti requisiti:

  • essere cittadini italiani;
  • non aver compiuto il 24° anno di età;
  • possedere il diploma di istruzione secondaria di primo grado (ex licenza di scuola media inferiore).

Si ricorda che il VFI è l’unico a poter partecipare ai concorsi successivi per la ferma triennale nelle Forze Armate (VFT) al raggiungimento del 24° mese di servizio, oltre ad usufruire di una riserva di posti per l’accesso all’Accademia Militare di Modena, nelle carriere iniziali delle Forze di Polizia ad ordinamento militare e civile o nel Corpo militare della Croce Rossa. Ai Volontari in Ferma Iniziale che lasciano la Forza Armata senza demerito, sono inoltre riservati:

  • Il 30% di posti per le assunzioni di personale non dirigente nelle pubbliche amministrazioni;
  • Il 20% di posti nei concorsi per l’accesso alle carriere iniziali dei corpi di polizia municipale provinciale;
  • Il 50% dei posti messi a concorso per l’immissione dei ruoli civili del personale non dirigente del ministero della difesa.

Volontari in Servizio Permanente (VSP)
Al termine della ferma triennale si prevede che la totalità dei volontari siano ammessi al Servizio Permanente nel ruolo Graduati (ex VSP) sostanzialmente in modo automatico, purché in possesso dei requisiti psico-fisici richiesti, secondo modalità e criteri in corso di definizione.

Volontari in Ferma Prefissata quadriennale – Atleti (VFP4 – Atleti)
È previsto anche un apposito concorso per Atleti Militari come Volontari in Ferma Prefissata quadriennale (VFP4 – Atleti). Gli aspiranti atleti devono avere conseguito nella disciplina/specialità prescelta risultati agonistici almeno di livello nazionale certificati dal CONI o dalle federazioni sportive nazionali oppure, per le discipline sportive non federate o affiliate al CONI, dal Comitato sportivo militare. I partecipanti al concorso devono aver compiuto il 17° anno di età e non aver superato il giorno di compimento del 35° anno di età.

Dove avviene l’addestramento dei volontari?

Aeronautica Militare
Si svolge presso la scuola volontari dell’aeronautica militare (SVAM) situata a Taranto, sul sedime dello storico idroscalo “Luigi Bologna”. La formazione prevede, nel primo mese di addestramento, istruzione formale, materie prettamente militari, attività di maneggio armi e al poligono di tiro, coadiuvati dai Fucilieri dell’Aria del 16º Stormo di Martina Franca. Al termine si svolgerà la cerimonia del giuramento e il test sulle materie precedentemente studiate, propedeutico per assegnare la destinazione in cui svolgere il servizio.

Recentemente, con l’aggiunta delle categorie nelle quali verranno suddivisi gli allievi, c’è una seconda fase di addestramento specializzata. Gli allievi facenti parte della categoria difesa continueranno le loro attività con i Fucilieri, mentre gli altri verranno inseriti in corsi relativi a: antincendio, amministrazione, informatica e vettovagliamento. La durata di questa seconda fase del corso dipende dalla suddetta categoria.

Esercito
L’addestramento di base verrà svolto presso Reggimenti Addestramento Volontari (RAV). La durata dell’addestramento di base è di dodici settimane.
Prove di Educazione Fisica, test intermedio e finale su materie militari e prove pratiche contribuiranno a verificare la crescita e la formazione durante questo periodo formativo di base. Successivamente verranno svolti ulteriori corsi di specializzazione utili all’assolvimento di un incarico specifico.

Marina Militare
L’iter formativo associa attività di formazione iniziale, comuni a tutte le categorie/qualificazioni, ad attività di istruzione specialistica, diverse per ogni tipologia di categoria/qualificazione.

Al momento formativo iniziale, improntato sull’educazione etico-militare e finalizzato allo sviluppo delle attitudini del militare, e in particolare del “marinaio”, segue un momento formativo specialistico, specifico per ogni categoria/qualificazione, finalizzato a conferire le conoscenze e le capacità necessarie ad operare in specifici settori tecnico-operativi, per permettere al Volontario di svolgere gli incarichi di operatore/manutentore di 1° livello presso la futura destinazione d’impiego.

Per quando riguarda le specifiche esigenze del Comando Forze Speciali dell’Esercito (COMFOSE), l’arruolamento dei Volontari in Ferma Prefissata Triennale destinati al comparto avverrà attraverso un concorso straordinario aperto solo ai VFI che abbiano conseguito i previsti corsi basici nelle Forze Speciali.

Carabinieri
Da qualche anno i concorsi per diventare Allievo Carabiniere sono stati aperti anche ai civili, con una percentuale di posti comunque riservata a VFP1 e VFP4 ora VFI e VFT. Il grado di Carabiniere del ruolo Appuntati e Carabinieri può essere conseguito mediante concorso pubblico per titoli ed esami.

Il corso di formazione per Allievi Carabinieri si svolge presso una delle Scuole situate in diverse zone d’Italia: Roma, Torino, Campobasso, Reggio Calabria, Iglesias. La nomina viene conseguita dopo 6 mesi dalla data di inizio corso.
Gli allievi Carabinieri contraggono, all’atto dell’arruolamento, una ferma volontaria di 4 anni. Al termine della ferma volontaria, i Carabinieri sono ammessi in servizio permanente se conservano l’idoneità psicofisica e se meritevoli.

Percorsi formativi per Ufficiali e Sottufficiali

Ufficiali
È possibile accedere al ruolo di ufficiali delle Forze Armate attraverso varie tipologie di concorso indette ogni anno, come sempre, con pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale e pagina riassuntiva nella sezione concorsi del nostro sito. Come anzidetto, i concorsi possono essere sia interni che pubblici. In particolare, si può diventare ufficiali tramite concorso pubblico:

  • accedendo ai corsi di studio di un’Accademia Militare;
  • per nomina diretta: in questo caso gli aspiranti ufficiali provengono dal mondo civile e sono laureati in discipline di particolare interesse per le Forze Armate.

I concorsi interni per il reclutamento degli ufficiali sono riservati a determinati ruoli del personale appartenente alle Forze Armate. In ogni caso, requisiti di partecipazione e limiti di età sono dettagliatamente indicati nei relativi bandi.

I percorsi delle Accademie Militari sono di tipo universitario e mirano alla formazione di Ufficiali dell’Esercito, della Marina, dell’Aeronautica e dell’Arma dei carabinieri.

Vi si accede tramite concorso pubblico per titoli ed esami al quale possono partecipare tutti i cittadini italiani entro i 22 anni di età e in possesso, oltre che di requisiti generali, del diploma di scuola secondaria di secondo grado (diploma di maturità). 
Il concorso prevede l’espletamento di test e controlli che, normalmente, riguardano i seguenti aspetti:

  • prova scritta e/o orale volta a verificare la preparazione culturale dei candidati;
  • verifiche attitudinali;
  • accertamenti medici;
  • prove di efficienza/idoneità fisica.

I vincitori del concorso sono ammessi ai corsi dell’Accademia che possono durare da 3 a 6 anni a seconda del tipo di laurea da conseguire.
 
Le Accademie Militari sono:

Sottufficiali – Marescialli
La nomina ad allievo Maresciallo si ottiene superando un concorso pubblico per esami, bandito dal Ministero della Difesa. Al concorso possono partecipare tutti i cittadini italiani, in possesso, oltre ai requisiti generali, dei seguenti requisiti specifici:

  • età compresa tra 17 e 26 anni (28 anni per chi ha già prestato il servizio militare);
  • diploma di scuola secondaria di secondo grado (diploma di maturità).

Il concorso prevede l’espletamento di test e controlli che, normalmente, riguardano i seguenti aspetti:

  • prova scritta e/o orale volta a verificare la preparazione culturale dei candidati
  • verifiche attitudinali
  • accertamenti medici
  • prove di efficienza/idoneità fisica.

Chi risulta idoneo deve frequentare un corso di formazione triennale, al termine del quale da allievo consegue la nomina al grado di maresciallo e una laurea di primo livello. Il personale appartenente al ruolo dei marescialli dell’Aeronautica, dell’Esercito e della Marina è reclutato in parte anche tra gli appartenenti al grado di sergente, attraverso un concorso interno.

Sottufficiali – Sergenti
Il personale appartenente al ruolo dei sergenti dell’Aeronautica, dell’Esercito e della Marina è reclutato tra i Volontari in Servizio Permanente attraverso un concorso interno bandito ogni anno. Chi risulta idoneo può assumere la qualifica di allievo sergente e deve seguire un corso di aggiornamento professionale, al termine del quale ottiene il grado di sergente. Se in possesso di un diploma di scuola secondaria di secondo grado, il personale con il grado di sergente può accedere, tramite concorso, al grado di maresciallo o a quello di ufficiale.

Dettagli sui concorsi delle Forze Armate

Per consultare il calendario delle uscite dei bandi di concorso è possibile visitare il sito internet del Ministero della Difesa oppure consultare la sezione concorsi del nostro sito internet dove, oltre al bando ufficiale, si trovano tutte le informazioni essenziali del concorso.

Le tipologie di concorso sono:

  • Reclutamento Ufficiali;
  • Reclutamento Sottufficiali;
  • Reclutamento Volontari e Truppa;
  • Scuole Militari;
  • Concorsi On-Line;
  • Concorsi per avanzamento;
  • Concorsi per il personale civile;
  • Concorsi pubblici riservati ai volontari congedati.

In particolare, attraverso i Concorsi On Line della Difesa si entra nel sistema di compilazione online della domanda di partecipazione dei concorsi del Ministero della Difesa per i quali è prevista questa possibilità.

Tatuaggi nelle Forze Armate: sono ammessi?

I tatuaggi sono sempre considerati motivo di scarto in fase concorsuale in qualunque zona del corpo se:

  • Contengono messaggi osceni, riferimenti sessuali, razzisti e di discriminazione religiosa;
  • Contengono messaggi indecorosi e di discredito alle Istituzioni della Repubblica Italiana;
  • Contengono messaggi indecorosi e di discredito alle Forze Armate;
  • Le dimensioni sono eccessive;

Inoltre, i tatuaggi non sono mai ammessi se localizzati in aree anatomiche non coperte dall’uniforme di servizio estiva.

Quindi, se si desidera arruolarsi in una Forza Armata ma si è in possesso di tatuaggi deturpanti o localizzati in zone come viso, collo, avambracci è consigliabile procedere quanto prima alla rimozione.

Norme sui tatuaggi: novità in arrivo
È attualmente in corso un processo di revisione per quanto concerne la regolamentazione dell'Esercito Italiano in materia di applicazione di tatuaggi. Le modifiche consentiranno a tutti i candidati con tatuaggi sulle gambe di partecipare ai concorsi, comprese le donne che si troveranno a indossare la divisa con gonna e scarpe décolleté. Dovrebbero essere chiarite anche le indicazioni sulle dimensioni dei tatuaggi. Resterà fermo il divieto di tatuare il corpo, in qualunque sua parte, con contenuti osceni, riferimenti sessuali, razzisti, di discriminazione religiosa o comunque che possano portare discredito alle istituzioni della Repubblica Italiana e alle Forze Armate.

Concorsi delle Forze Armate

Scopri quanti e quali bandi di concorso sono in corso. Moltiplica le probabilità di vincere affidandoti all’esperienza di Exforma. Scegli i migliori corsi di preparazione. Gli unici con formula Vincitori o Rimborsati.

Affidati alla migliore
Accademia di formazione d’Italia

Abbiamo strutturato un percorso formativo unico nel suo genere per prepararti al meglio a tutte le prove previste dai concorsi. Stop allo spreco di tempo, concentrati solo su quello che serve realmente. Grazie all’esperienza dei nostri tutor studierai in modo focalizzato ed efficiente, ottimizzando il tempo e le energie. Avrai così molte più probabilità di vincere, superando gli altri candidati nella graduatoria finale. Il 90% dei nostri studenti ha già vinto un concorso, scopri di più.

Vincitori o rimborsati

Se non superi il concorso a cui hai partecipato ti riprepariamo gratuitamente per quello successivo oppure ti rimborsiamo per intero la somma che hai pagato.

Un mentore personale

Avrai a tua disposizione un tutor esperto, con esperienza pluriennale, che ti accompagnerà durante l’intero percorso, diventando il tuo vero e proprio punto di riferimento.

App dedicata ai quiz

Esercitarti a superare la prova di preselezione. È inclusa nell’offerta, al suo interno troverai centinaia di migliaia di quiz, provenienti dalle banche dati ufficiali delle varie amministrazioni.
Affidati al metodo Exforma
Aumenta in maniera esponenziale le possibilità di vincere il concorso
Piattaforma e-learning
Basta ad estenuanti ore di spostamenti per seguire una lezione, ora potrai studiare dove e quando vuoi. Una piattaforma disponibile h24 su tutti i dispositivi.
Lezioni in live streaming
Non solo lezioni on-demand, ma anche tutor specializzati pronti a chiarire ogni dubbio attraverso un calendario di lezioni quotidiane in diretta streaming.
Test attitudinali e colloquio
Conoscere il livello di preparazione individuale è il primo step per una preparazione completa e professionale.
Community
Farai parte della grande community di Exforma, un club esclusivo di persone che potranno entrare subito a far parte della tua vita!
Psicologo militare

Una figura autorevole e qualificata, con esperienza pluriennale al servizio delle Forze Armate, che permette di affrontare al meglio le prove.

Preparazione atletica
Non solo studio, ma anche allenamento fisico. Esercizi specifici per una indispensabile preparazione atletica del candidato finalizzata al superamento della prova.
Preparazione al tirocinio

Il nostro team ti preparerà al superamento delle prove fisiche, dei test di logica e di performance attitudinale, fornendoti un supporto dal punto di vista fisico e mentale.

Quizzo
Con Quizzo, la nostra app dedicata, potrai esercitarti rispondendo a centinaia di migliaia di quiz provenienti dalle banche dati ufficiali e sfruttando numerose funzioni premium aggiuntive.
Preparati con Exforma
compila il form e ti contatteremo al più presto
Se non vinci il concorso ti rimborsiamo

Nel caso in cui lo studente non risulti vincitore di almeno un concorso tra quelli banditi nell’arco dell’anno accademico a partire dalla data di iscrizione, Exforma consentirà di fruire gratuitamente della preparazione ai concorsi per l’arruolamento nelle Forze Armate e di Polizia italiane banditi nell’annualità accademica successiva.

Infine, nel caso in cui lo studente non risulti vincitore di almeno un concorso tra quelli banditi nell’arco dei due anni accademici, Exforma garantirà allo studente il rimborso del costo complessivo di acquisto.

Per maggiori informazioni è possibile rivolgersi ai consulenti di Exforma.
Mentoring Exforma
Un mentore personale a tua disposizione
Una volta entrati in Exforma avrai a tua disposizione un mentore con esperienza pluriennale che ti accompagnerà durante l’intero percorso, diventando un vero e proprio punto di riferimento. Otterrai assistenza dedicata e personalizzata che comprende: ausilio logistico e burocratico, aiuto nello studio, consigli pratici, supporto in caso di difficoltà, preparazione di una strategia concorsuale vincente e molto altro.